2 anni fa

Napule è Mille Culure. In Estate… Duemila!

 

Napule è mille culure cantava l’amatissimo Pino Daniele e se in inverno è bella, in estate diventa bellissima. I raggi caldi del sole mettono in risalto i colori del mare, dei vicoli, del cibo, il tutto accompagnato dalla musica che riecheggia nell’aria continuamente e poi, i negozi, i mercati, la folla di persone che cammina dalle prime ore del mattino fino a tarda notte, tutto quello che molti definirebbero caos, diventa poesia. Una poesia che ha ispirato scrittori, pittori, letterati e che ancora oggi continua a farlo.
Napoli in estate offre tutto quello che si può desiderare da una meta turistica, molte sono le iniziative organizzate in questo periodo. Impossibile perdere le straordinarie visite serali dei due musei più importanti a Napoli.

Il giovedì sera al MANN- Museo Archeologico Nazionale, considerato uno dei più importati musei al mondo, si organizzano oltre alla visita anche concerti e manifestazioni, inoltre è possibile vedere la mostra Mito e Natura. Dalla Grecia a Pompei. Al Museo di Capodimonte, aperto di sera lo stesso giorno, è possibile ammirare la Flagellazione di Cristo, capolavoro seicentesco del Caravaggio. Per gli amanti dell’arte contemporanea, invece, il Museo Madre offre la possibilità di visitare gratuitamente per tutto il mese di agosto le collezioni e le mostre in corso, tra cui la mostra Attesa del grande maestro della fotografia Mimmo Jodice.

Per chi ama le passeggiate nel verde e rilassarsi, ideale è il Parco Virgiliano, dove organizzare pic nic con i compagni di viaggio e godere della splendida vista sul mare. Ma se siete follemente innamorati della natura allora la riserva naturale degli Astroni con i suoi tre laghi fa per voi. Il Cratere degli Astroni, Oasi del WWF, è un luogo in cui perdersi tra la natura con i suoi sentieri naturali, gli animali e una ricca vegetazione.

E il mare? Napoli con il suo splendido golfo, incanta centinaia di turisti all’anno. Molti sono i posti in cui godere del bel mare partenopeo. Marechiaro, famoso per la sua fenestrella che ispirò il poeta e scrittore Salvatore Di Giacomo, è un piccolo borgo reso famoso per i suoi ristoranti che affacciano sul golfo e per lo scoglione. Splendido è anche il Parco sommerso della Gaiola, un’aera marina protetta, dove rilassarsi e godere del mare e per gli sportivi è possibile fare immersioni subacquee, percorsi in kayak o fare visite guidate con il battello dal fondo trasparente.
Per i più romantici, nella meravigliosa baia di Palazzo Donn’Anna, troviamo lo storico stabilimento balneare Bagno Elena, scoperto già nel ‘700 dall’ammiraglio Nelson che ne fece rifugio della sua storia d’amore con lady Hamilton e ancora oggi, conserva il suo fascino.

E adesso? Non ci resta che… mangiare! Pizza, sfogliatelle, babà, pastiere, mozzarella di bufala e altre delizie culinarie ti aspettano!
Vieni a vivere la magia, vieni a vivere la mia Napoli… Napule è tutto nu suonno e a sape tutto ò munno…

Scritto da Marianna Del Pezzo

Studentessa di Beni Culturali e volontaria del gruppo direttivo FAI Giovani Napoli. Collaboro con Artplace per trasmettere passione e far riscoprire il fascino del nostro patrimonio.